Skip navigation

Tag Archives: tristezza

Se scivolasse tutto alla velocità di una goccia che precipita
questi vetri sfregiati non si sarebbero appannati oltre.
Stringersi le ginocchia vicino al petto non avvicinerà l’ombra riflessa in quella pozzanghera,
né te ne renderai conto poco dopo l’accaduto –
dimentichi le azioni come dicendole addio assieme a ciò che hai provato
ma solo dopo dopo dopo – durante il ripiegarsi di una pagina sotto lo stesso colore
il cuore ammalgamato in una ragnatela di fumo sanguina sanguina sanguina –
prosciugando il “sintomo temporale”.

Le persone dicono – le persone dicono
e tu quale corsia tra le molte
che si specchiano in sé stessi vedendosi rotti
e quindi “diversi dall’altro”
stai solcando?

Domande quasi troppo complicate ( o scomode)
per essere affrontate quasi fosse lo stesso seme della personalità
ad appassire e diventare una favola empirica,
ma non essendo questo il problema o non del tutto
stiamo girando attorno ad una “pratica” emotiva
che si spegne e si accende ad intermittenza
e qualcuno dalla testa d’aquila alza la mano sui cieli
e nel suo grido oltre l’atmosfera
chiede:

“Attivate la recettività al vostro prossimo e al mondo.
Attivate la conoscenza sensoriale.
E’ un involucro troppo importante per affondare nella melma che ogni essere umano diventa nel tempo
nuotando dentro lo stereotipo di vita che ci hanno concesso.”

Queste parole fanno pensare stretti al cuscino, sotto le stelle, o accompagnati da un ricordo
e allora le decisioni della metamorfosi di un’anima può avere inizio scegliendo
e capacitandosi delle proprie celesti formazioni.

– Ma questo mio cuore sta ancora sanguinando, prosciugandomi, mi sto smarrendo…
Sembra troppo difficile andare avanti… –

———————-

A. Roswertyh

Era il giorno dipinto di rosso – bruciavo

Cadevo, cadevo con una forza vana che gridava “aggrappati” 
alle lacrime che leggiadre navigavano sopra di me
come cristalli sempiterni

Era il giorno dipinto di rosso – sanguinavo

le unghie affondavano nella nebbia dubbiosa
che rendeva il fondo di questa grotta infinito,
un posto dove dimenticare

Pareti ricoperte di riflessi frammentati
spezzati
dalla velocità di questa caduta già affrontata
e riaffrontata

Allora perchè ancora non vedo un appiglio?

Era il giorno dipinto di rosso – Gridavo silenziosamente

Credevo che la luce proveniente da quella fessura
non fosse altro che il vuoto di un posto inesistente
e invece oltre ai freddi azzurri cristallini
i rossi dominavano sotto l’influenza del vento,

Abituata a qualcosa di diverso,
mentre i miei carcerieri tiravano frecce fulminee
ho allungato la mano per raccogliere un Momento
di quella Diversità che è mancata nel mio Cuore.

“Ho ricordato in modo agro-dolce le voci armoniose,
non ho mai dipinto con te un arcobaleno
non ho mai immaginato di costruire con te delle scale invisibili per raggiungere
Il Paradiso
ma ora ho iniziato, con le dita tremanti, a disegnare
ciò che i miei occhi sognano anche quando sono sveglia
quindi, padrona delle mie catene continuerò a lottare.”

Era un giorno dipinto di rosso –

————————————————-

A. Roswertyh

Disegno collegato alla poesia: http://breathflux.deviantart.com/#/d5iqblz

E colonna sonora che ha unito i miei sentimenti e portato alla luce l’ispirazione : http://v.youku.com/v_show/id_XMTIzMDk2NTY4.html

L’edera sulle rovine d’un palazzo, seduta ad osservare in completa tranquillità
il cielo del tutto limpido, non sento di Essere qualcosa. Non sono niente.
Faccio solo parte dello scorrere, come il Mana che fluisce dentro me e defluisce
nel rumore dei fili d’erba sfiorati dal tempo, nel volo degli uccelli..

Vorrei rimanere lì. Non credo sia il paradiso, so che è solo l’intermezzo.
E se fosse l’inferno a reclamarmi? Non voglio muovermi, ma appena chiudo gli occhi lo vedo.
Lasciami ancora per un pò qui, dove la mente perde coscienza di se stessa..

——————————————

A. Roswertyh

Perchè bisogna sempre muoversi?

Solo perchè gli altri corrono all’impazzata devi arrivare al punto di sputare sangue?

Alle volte me lo chiedo e le risposte sono tante :

Per arrivare da qualche parte!Avere una posizione! – dice una voce

Per non lasciarsi calpestare! Non bisogna lasciarsi mettere i piedi in testa! – dice un’altra voce

Se vuoi essere qualcuno. Se vuoi DISTINGUERTI. – dice qualcun’altro

E così via..

Tra la folla impazzita vedo tanti colori. Tante scelte. E dico WOW quelli hanno fatto così tante cose.

E certamente ciò mi porta un alone di tristezza, ma poi mi volto, e guardo. Guardo chi invece è rimasto fermo. Mi avvicino e domando :

Perchè sei felice? Perchè sei Sereno?
Sei immobile tra mobili, giorni che si ripetono, quotidianità..

E le risposte furono :

Ho trovato la mia pace. Ho fatto una scelta.

La cosa più importante e non rimpiangere e non voler cancellare i propri passi.

Conquistare la serenità.. è come conqusitare un piccolo pezzo di Paradiso. – E quest’ultima sorrise..

Li guardai. Uno ad uno. Poi sussurrai :

Ma io non voglio restare ferma, ma neanche lasciarmi distruggere da un’ondata che per distinguersi si omologa a se stessa. Io voglio essere Io. Voglio essere Unica..

Quelle persone si guardarono, poi la donna si avvicinò a me sorridendo nuovamente, con un sorriso estremamente dolce, senza carezze o strette di mano struggenti, disse:

Allora cammina, cerca quando ti senti di cercare, difenditi perchè dovrai farlo per tutta la vita, ti perderai, ritroverai, ti sentirai nel posto sbagliato ma alla fine spero che lo troverai..

Cosa..?

Il tuo pezzo di Paradiso.

Tali parole mi ferirono. Ardentemente. Non so perchè.

——————————————————–

A. Roswertyh

Non ho molta voglia di giochi sciocchi o di equazioni imperfette.
La perfezione è un traguardo arduo – benchè questa sia a “gusti”.
In questi giorni lo scorrere del tempo è insensato prima c’era il tramonto
e ora mi ritrovo in un pomeriggio prolungato … Riavvolgendo la pellicola?

Un salto in più. Un inutile salto in più per ricere un Delusivo schiaffo.
La Lama d’argento sta tagliando l’aria emettendo un suono più che Eccitante.

Prova a leccare questo distorto desiderio che gocciola.
Perchè non ci provi? Hai paura di avvelenarti?

Accecati tutti voi da decisioni impulsive, ciechi davanti alle lancette.

Vivere una vita prosciugando fino all’ultima goccia.

I propri Elisir, un’Aroma che gode appoggiandosi sulla lingua.

Legali con un filo, legali prima che questi sprofondino nel dimenticatoio.

Lega tutto. Tutto. Le lancette non aspettano. (?)

———————————————————-

A. Roswertyh